Ceramiche e merletti, Orvieto domenica si fa bella con “Terre&Trame”

Seconda edizione per la kermesse dedicata all’artigianato artistico. Mostre, dimostrazioni e attesa per l’inedita cartolina ricamata in “merletto orvietano”

Di Redazione, 21/06/2024

Sarà nuovamente la suggestiva piazza del Duomo di Orvieto il teatro della seconda edizione di “Terre&Trame”, la kermesse dedicata all’artigianato artistico in programma domenica 23 giugno da mattina a sera. Il connubio tra ceramiche e merletti è il focus vincente che verrà riproposto sia per ribadire che la grande diffusione delle produzioni artistiche in Umbria si deve al recupero culturale ed economico avvenuto nei primi anni del Novecento, nell’onda del gusto dominante del ritorno all’antico che ha riportato in vita le tradizioni locali, sia per lanciare il messaggio che per le stesse manifatture, intrise di storia, manualità e passione, c’è spazio anche ai giorni nostri.

Organizzato dal Gal Trasimeno-Orvietano, con il Patrocinio della Strada della ceramica umbra e la direzione artistica di Anna Lisa Piccioni, l’evento rappresenta un’occasione di incontro tra le città umbre caratterizzate dalla presenza storica di alto artigianato artistico, sottolineando la comune ispirazione dei motivi decorativi delle arti applicate alle arti maggiori: dai bassorilievi delle architetture delle Chiese fino alla grande pittura del Rinascimento. Così, con ifregi del magnifico Duomo a far da sfondo, la parte del leone la faranno la maiolica ed il merletto della città orvietana;particolare l’abbinamento decorativo tra ceramica e ricamo policromo nei manufatti di Deruta e di Assisi.

Con l’inaugurazione prevista alle ore 10.30, quando verranno aperti gli spazi espositivi dei maestri artigiani e animeranno la piazza i figuranti della “Compagnia Mastro Titta” sotto la direzione artistica di Paola Cecconi e il Corteo dei Popolani “Nicoletta De Angelis”, ad essere protagoniste saranno le  merlettaie sia umbre che provenienti da fuori regione, pronte ad incontrarsi per testimoniare un’arte ancora viva, non a caso in concomitanza con la Giornata internazionale del merletto (International Lace Day”) giunta alla decima edizione.

Particolare attesa per la presentazione della prima cartolina in merletto di Orvieto (ore 12 presso il Museo “Claudio Faina”, dedicata ad una delle merlettaie più illustri della città, Luisa Geremei Pettinelli, scomparsa quasi centenaria nel marzo 2000 (era nata nel novembre 1900) e insignita nel 1966 dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana per l’importanza del suo lavoro artistico. A lei si devono, tra le tante meraviglie prodotte, sia ilGonfalone del Comune di Orvieto sia lo splendido rosone riportato nell’immagine della copertina della manifestazione. Altro punto di forza dell’evento, le mostre in programma: da quella (10.30-11.30) sul prezioso merletto di Orvieto, sul merletto d’Irlanda di Isola Maggiore, sulla rete a modano di San Feliciano, sul macramè, sul chiacchierino, sull’uncinetto e il tombolo esposti insieme a pregevoli ceramiche di Orvieto e di altre città del cuore verde d’Italia; a quella che nel pomeriggio, dalle 15 alle 19 presso il Museo “Emilio Greco”, vedrà esposte delle rose realizzate dalle Comunità che aderiscono al progetto “Rete del sapere fare il Merletto Italiano”, a cura di Comunità Merletto di Orvieto-Ars Wetana e dell’associazione “Comitato dei Quartieri della città di Orvieto”

Sempre nel pomeriggio (dalle 17.30 alle 19), in collaborazione con “La strada della ceramica umbra” sono previste prove di tornio aperte a tutti e laboratori di foggiatura della ceramica con il merletto con consegna ai partecipanti dell’attestato di “Ceramista per un giorno”.